Canale per cablaggio

Ascolta con webReader

I cavi degli impianti elettrici non scorrono sempre all’interno delle pareti o in percorsi chiusi già tracciati. Parte dell’apparato infatti fluisce all’esterno oppure nei quadri elettrici. Sia che si tratti di un impianto domestico relativamente semplice, che di uno più complesso come può essere quello industriale, i cavi che scorrono esternamente devono essere protetti con appositi elementi. Si tratta delle canale per il cablaggio, ovvero degli involucri che si estendono in lunghezza al cui interno vengono passati i fili elettrici.

 

Ad ognuno il suo

Per quanto riguarda la posa dei cavi lungo le mura, ricorriamo alle canaline per indirizzare in maniera precisa il percorso dei cavi. La scelta degli involucri va ponderata in base al contesto di installazione. In ambito domestico ad esempio, non sono richieste caratteristiche particolari, se non il materiale di fattura durevole. In alcuni casi però, possiamo prediligere elementi in materiale atossico. Queste tipologie di canale vengono utilizzate in determinati ambienti in modo tale da ridurre al minimo, in caso di surriscaldamenti e/o incendi, la diffusione di fumi tossici. Vengono utilizzati ad esempio nei locali che ospitano un numero considerevole di persone. Ulteriore caratteristica che può interessarci riguarda il fattore estetico. Dobbiamo in tal senso scegliere colori che si adattino al meglio al nostro ambiente permettendo alle canaline di confondersi il più possibile con l’arredamento o tinta delle pareti. Per quanto riguarda l’organizzazione dei fili e contatti all’interno dei quadri o armadi, la soluzione ottimale è utilizzare delle canale già forate. In questo modo possiamo far scorrere i cavi sia verticalmente che orizzontalmente modellando l’assetto secondo le nostre preferenze.

 

Tipologie di canale

Ogni impianto elettrico che deve essere cablato ha le sue caratteristiche per quanto concerne i percorsi che i cavi devono compiere. Possiamo trovare tratti rettilinei gestibili semplicemente tramite canaline rigide, oppure sezioni in cui i cavi, a causa degli spazi, sono costretti a flettere. Si utilizzano in questi casi dei canali pieghevoli che accompagnino i fili lungo gli archi di curva da compiere. Tra i vari tipi di canale troviamo:

  • Canale rigide: di vario materiale tra cui plastica e metallo, sono scocche generali che permettono la posa dei cavi in maniera semplice. Dotati alle volte di sistema a incastro rendono l’installazione facile e veloce.
  • Guaine flessibili: involucri specifici che permettono il cablaggio anche dove il percorso dei cavi risulterebbe difficoltoso con l’utilizzo di normali canaline.
  • Avvolgente a spirale: è un ulteriore rivestimento per i cavi. Consiste in una spirale di materiale flessibile che si adatta a tutti i tipi di tracciato.

allarmi