Che cos’è l’acqua micellare

Ascolta con webReader

Se si è in cerca di un prodotto in grado di pulire la pelle del viso e di purificarla in modo semplice ed efficace, si può fare sicuro affidamento sull’acqua micellare, che permette anche di rimuovere tutti i residui di make-up e si rivela, pertanto, un ottimo struccante. Utile per la detersione quotidiana e per l’idratazione della pelle, non va ad aggredire la barriera idro-lipidica del derma, e proprio per questo motivo può essere usata da chiunque, incluse le donne che hanno una pelle molto secca o incline a irritarsi.

Le modalità di utilizzo sono alquanto semplici: è sufficiente versare su un dischetto di cotone poche gocce di acqua micellare e poi passare il dischetto sul volto per eliminare il trucco e le tracce di sporco in modo delicato. Rispetto al classico latte detergente, questo prodotto non lascia la pelle unta, ma garantisce una piacevole sensazione di pulizia e di freschezza. Basato sulle micelle, può essere integrato con altri ingredienti: l’acido ialuronico, per esempio, o l’acqua termale, ma anche estratti vegetali o minerali.

L’acqua micellare è al tempo stesso un tonico e uno struccante di provata utilità: il suo utilizzo è consigliabile a ragazze e donne di tutte le età non solo perché favorisce un notevole risparmio di tempo (dal momento che rende superfluo il ricorso ad altri trattamenti), ma anche perché è in grado di migliorare l’aspetto sia delle pelli secche che delle pelli grasse. Le micelle, che sono gli elementi che compongono il prodotto e che gli conferiscono il nome, catturano tutte le impurità che si trovano sulla pelle e consentono di purificarla giorno dopo giorno. Che si opti per una formulazione priva di parabeni, per una versione bio o per qualsiasi altra soluzione, si ha la certezza di migliorare il proprio aspetto, a prescindere dal fatto che si sia abituate a truccarsi o meno.

Il consiglio, in caso di make-up abbastanza evidente, è quello di adoperare un dischetto di cotone per ogni parte del volto: uno per il rossetto sulle labbra, uno per il mascara e il rimmel sugli occhi, uno per il fondotinta sulle guance, e così via. Non c’è bisogno di risciacquare il volto dopo aver usato l’acqua micellare, e anzi gli esperti sconsigliano di eseguire questa azione, poiché il calcare contenuto nell’acqua rischierebbe di vanificare gli effetti benefici del prodotto; al massimo si può puntare sull’acqua termale, con la quale inumidire un paio di dischetti o batuffoli di cotone.

LauraMusig

Siti internet Udine. Consulente SEO. Webmaster di Donna e Dintorni blog per donne 2.0