Come eseguire la depilazione totale

Ascolta con webReader

Per sentirsi più puliti e sexy spesso le donne ricorrono alla depilazione totale. C’è da dire che la depilazione delle parti intime non viene sempre praticata, sia perché è dolorosa sia perché la presenza dei peli nelle zone intime evita infezioni ed infiammazioni.

Inoltre, la depilazione totale deve essere ripetuta mensilmente e bisogna applicare scrub e creme idratanti nelle zone interessate.

La depilazione totale dell’inguine può essere effettuata ricorrendo al rasoio o al laser. L’utilizzo del rasoio è il metodo più diffuso, in quanto è rapido, pratico e indolore. Per ottenere una buona rasatura si dovrà utilizzare acqua calda e sapone, al fine di far scorrere meglio il rasoio. Tuttavia i peli ricresceranno più ispidi e folti e c’è il rischio del formarsi di peli incarniti e dell’instaurarsi di irritazioni. Si vendono anche i rasoi elettrici che permettono una rasatura più agevole, ma rimane il problema della ricrescita.

Anche la crema depilatoria, impiegata per la depilazione totale, present il problema della ricrescita. Bisogna ricordare anche che le sostanze chimiche contenute nella crema depilatoria causano irritazione, frequenti nelle zone delicate come quella dell’inguine.

L’impiego della ceretta è la scelta ideale per chi ha vuole ricorrere alla depilazione totale. Naturalmente la ceretta deve essere eseguita da una estetista. Depilatevi in maniera graduale e per evitare irritazioni stendete una crema idratante o specifici oli e verificate che non ci siano peli incarniti. Non depilatevi tutto l’anno in maniera totale e depilatevi ogni 15 giorni, consentendo ai peli di crescere in maniera sufficiente ed evitando che i peli si incarniscano.

Usate biancheria intima di cotone non troppo attillata, per evitare le irritazioni nella zona dell’inguine. Disinfettate la pelle prima di usare la ceretta e stendete creme idratanti, che rendono più lenta la ricrescita dei peli.

La luce pulsata è un altro metodo a cui ricorre chi vuole la depilazione totale. Essa deve essere effettuata su peli scuri e pelle non abbronzata, ogni seduta ha la durata di un’ora e deve essere ripetuta per quattro volte ogni sei settimane. Si tratta di un metodo costoso che può arrivare fino a 400 euro.

Si può ricorrere anche al laser per zone poco estese come l’inguine. La macchina viene usata in centri ed emana dei lampi che provengono da cavi di fibra ottica. Nella zona dell’inguine sono sufficienti tre sedute. Prima e dopo l’esposizione al laser non si deve esporsi al sole per un mese. I Si tratta di un metodo definitivo che costa 150 euro a seduta.

divinenew