Come recuperare i debiti scolastici

Ascolta con webReader

Nonostante l’estate sia ormai avviata, non tutti gli studenti possono godersela con serenità.
L’incubo del debito formativo, ovvero la lacuna su una o più materie, income su molti studenti che si trovano costretti a studiare anche in estate, per evitare che la loro promozione con riserva si trasformi in bocciatura autunnale, senza più alcuna possibilità di riscatto. Il termine reale per la conclusione delle verifiche di recupero è il 31 agosto, ovvero poco prima che il nuovo anno scolastico abbia inizio (viene lasciato qualche giorno per consentire alle scuole di poter formare le classi).

Prima di tale data sono gli stessi istituti e licei a disporre piani di recupero, stabilendo il calendario dei corsi e inserendo verifiche periodiche, che ricacalcano quelle definitive, un pò come avviene per la tanto temuta prova di maturità. Tutto questo comunque potrebbe non bastare, considerando che molto spesso sono gli stessi docenti che hanno istruito i ragazzi per tutto l’anno a tenere i corsi di recupero. In ogni caso, se il sistema scolastico fosse completamente valido, nessuno studente maturerebbe debiti formativi, o non riuscirebbe a sanarli prima di giugno, considerato che anche dopo la fine del primo quadrimestre si tengono dei corsi per i ragazzi che non hanno appreso tutto il programma.

Ecco allora che la maggior parte dei ragazzi cerca soluzioni alternative, da affinacare ai tradizionali corsi. E, come al solito, la scelta ricade sulle lezioni private.

Oggi grazie ad internet (ma purtroppo grazie anche alla precarietà lavorativa) non è difficile trovare un insegnante per qualche lezione estiva. Esistono numerose testate di annunci gratuiti, sia online che cartacee, come ad esempio quelle free press, che consentono all’utente, in questo caso professore, di proporsi per le lezioni, solitamente a domicilio.

Si tratta di un’ottima soluzione, dal momento che a inserire gli annunci sono per lo più studenti universitari, laureati o laureandi, che hanno una conoscenza fresca e al tempo stesso approfondita della materia. Inoltre essendo molto giovani possono riuscire a stabilire una relazione più confidenziale con i ragazzi. La sintonia creata si riversa nel rendimento e spesso bastano poche lezioni per capire dove lo studente pecca e aiutarlo a saldare il suo debito.

Un altro punto a favore rispetto ai corsi tradizionali è la flessibilità. Le lezioni estive organizzate dalla scuola si tengono in orari prestabiliti e vi parteciperanno diversi studenti, ognuno con una lacuna diversa, anche se nella stessa materia. Il ripasso proposto dalle scuole potrebbe essere troppo generale e non andare incontro alle esigenze del singolo, che invece ha bisogno di un piano personalizzato.

Colmare il debito formativo con un insegnante privato sarà molto più semplice proprio perchè le lezioni saranno individuali e basate sull’interesse del ragazzo, lasciando da parte quella sezione del programma ministeriale che sembra essere già assimilata. Al termine di questo processo può essere un’ottima idea quella di studiare con un compagno che ha maturato un debito nella stessa materia.

Insomma con un pò di impegno, qualche lezione privata e qualche ora in meno di spiaggia non è impossibile salvare l’anno scolastico, anche nelle materie tradizionalmente più ostiche.

www.cittanostra.it

stampalt