Cosa bisogna fare dopo aver perso un trade

Ascolta con webReader

Tutti i Forex trader ci sono passati – l’ossessione per un trade perso. Fidati di me, è qualcosa che ho vissuto sulla mia pelle molte volte. E quando sei nuovo nel mondo del trading, queste delusioni possono essere difficili da superare. Ma non preoccuparti, ti voglio aiutare. Di seguito sono riportati alcuni passaggi da seguire dopo un trade perdente.

  1. Smetti di fare trading

Se uno scambio non è andato come previsto, l’unica cosa che puoi fare è allontanarti dalla tua postazione. Anche i trader esperti possono sentirsi frustrati nella concitazione del momento. Il mio rimedio? Provo a fare qualche forma di esercizio. La tensione nel corpo non aiuta il processo decisionale. Fai qualcosa che sai ti aiuterà a svuotare la mente. Potrebbe essere qualcosa di semplice come fare una passeggiata o parlare con un amico.

  1. Metti il tuo trade in prospettiva

Una volta che hai trascorso un po’ di tempo lontano dal tuo trade perdente, il tuo prossimo compito è inserirlo in un contesto. È molto importante ricordare che tutti i trader subiscono perdite: è una parte normale del trading. Pertanto la mia raccomandazione è quella di guardare le tue dieci transazioni precedenti come una partita. In altre parole, determina se la tua perdita commerciale è parte di un modello più ampio. A seconda della tua esperienza, il tuo obiettivo di redditività varia. Ma assicurati di giudicarlo su un numero di scambi ampio. Se la tua perdita commerciale è un’eccezione, piuttosto che un luogo comune, non c’è da preoccuparsi.

  1. Verifica la gestione del rischio

Se le tue ultime dieci negoziazioni rivelano una tendenza d’incoerenza, è il momento di affrontare la situazione con la testa lucida. Tenendo questo a mente, il primo aspetto da considerare è la strategia di gestione del rischio. Se non ne hai una, ti posso garantire che questo è il motivo per cui hai riscontrato delle perdite. Una strategia di gestione del rischio è semplicemente il mezzo con cui proteggete il tuo capitale commerciale. Si tratta di una serie di passaggi che gli operatori implementano per garantire la riduzione delle loro esposizione di mercato, come l’utilizzo di stop loss/take profit e la verifica della correlazione valutaria.

  1. Esamina la tua analisi

Quindi, se il tuo approccio alla gestione del rischio è corretto, la prossima cosa da valutare è la tua analisi fondamentale. Quando il mercato si muove contro le nostre posizioni aperte, può solo significare che la nostra analisi era semplicemente sbagliata. Succede – i mercati sono imprevedibili per natura. Per un principiante, l’analisi fondamentale può sembrare intimidatoria. Ma se fai costantemente la mossa sbagliata nei tuoi scambi, è possibile che ti stai concentrando sugli eventi di rischio sbagliato.

  1. Valuta il tuo tempo

Sei mai tornato indietro per pensare a quale tipo di trader sei? Ha un impatto significativo sulla tua capacità di fare scambi redditizi. Ad esempio, potrebbe essere che non sei adatto per intraprendere scambi su tempi lunghi. Pertanto, se sei un trader a lungo termine, devi essere in grado di tollerare che i tuoi traffici facciano il loro corso. Viceversa, se sei un trader “intraday”, potresti avere problemi con i tuoi punti di ingresso e di uscita. Il trading su tempi brevi è più intenso; richiede di essere costantemente al computer, per controllare attentamente i movimenti dei prezzi. Se le circostanze limitano la tua capacità di dedicare tempo al trading, prendi in considerazione l’idea di passare a una strategia a lungo termine.

  1. Trova un compagno di trading

Trovo che la frase “un problema condiviso è un problema dimezzato” molto vera in questo campo. È per questo che ti consiglio di trovare un amico di trading. In poche parole, un altro trader a cui puoi regolarmente parlare per ricevere feedback e supporto. Non sai dove trovare un compagno di trading? Cerca nei forum. Puoi partire da siti internazionali come quello di STOfs.com.

albanomoretti