Costruire una casa dalle fondamenta

Ascolta con webReader

Come si costruisce una casa?
Con questa breve guida vogliamo proporvi i vari processi di realizzazione di una casa, a partire dalle fondamenta.
Prima di iniziare i lavori, occorre creare una schema da seguire dettagliatamente durante le varie fasi della costruzione.
Lo schema deve contenere un’attenta analisi del territorio e delle normative vigenti relative all’area di costruzione, il progetto e la planimetria dell’immobile e i vari materiali che occorrono per la realizzazione dello stesso.
In genere, per la costruzione di una casa i materiali indispensabili sono: attrezzi edili, calcestruzzo, tondini di ferro, materiale elettrico, materiale idraulico e materiale termico.
Per prima cosa ci occuperemo delle fondamenta della casa.
Per la realizzazione delle fondamenta, occorre utilizzare materiali di prima qualità, in quanto questa struttura è la più importante dell’intera abitazione poiché andrà a sostenere l’intero carico che essa comporta.
Più alta sarà la qualità dei materiali e più sicura sarà la casa che andremo a costruire.
Per realizzare le fondamenta occorre creare dei pilastri in legno e tondini di ferro.
Una volta ottenuti i pilastri che hanno la funzione di sostenere l’abitazione, si procede con una gettata di calcestruzzo.
Una volta ottenuta la struttura portante dell’abitazione, possiamo procedere con la realizzazione dei solai.
I solai servono a determinare il piano della casa e permettono di trasferire l’intero carico dell’abitazione sui pilastri che li sorreggono.
Ci sono diversi tipi di solai: quelli realizzati sul posto (in opera), quelli parzialmente prefabbricati e quelli totalmente prefabbricati.
I solai sono realizzati con un’alternanza di travi e laterizi forati, e completati con una gettata finale di calcestruzzo.
Una volta realizzati i solai si passa alla costruzione della scala, ovviamente solo se la casa che intendiamo costruire è su due o più livelli.
Le scale più comunemente costruite sono quelle ad una sola rampa e possono essere realizzate in legno, in ferro, o in cemento armato.
Un altro fattore fondamentale nella realizzazione di una casa è costituito dalle pareti perimetrali interne ed esterne.
Le pareti hanno la funzione di proteggere l’abitazione dagli agenti esterni, dagli agenti atmosferici e dai suoni.
Vengono rivestite con diversi strati isolanti a livello termico e sonoro.
Anche i pavimenti si distinguono in interni ed esterni.
Chiaramente i pavimenti esterni devono essere realizzati con l’utilizzo di materiali adatti a resistere alle peggiori condizioni atmosferiche, alle aggressioni chimiche e alla tenuta dell’acqua.
In genere i pavimenti esterni vengono realizzati con porfidi, calcestruzzo o clinker.
Per i pavimenti interni invece, vengono utilizzati materiali come ceramica, legno, moquette e linoleum.
A questo punto, gran parte della nostra abitazione è stata realizzata.
Per completare l’opera occorre costruire l’impianto elettrico e l’impianto idraulico.
L’impianto elettrico è costituito da: allaccio alla rete elettrica, realizzazione del quadro elettrico che distribuirà l’energia in tutta l’abitazione, realizzazione della rete di distribuzione dell’energia, realizzazione della messa a terra e montaggio di prese e interruttori.
Il sistema idraulico può essere realizzato in due modi: a pressione o a caduta.
Quello a pressione sfrutta l’utilizzo dell’autoclave, mentre quello a caduta utilizza un serbatoio posto sull’ultimo piano dell’abitazione.
Siamo giunti al termine della realizzazione di una casa.
Occorre tener presente che in Italia non è legalmente possibile creare un’abitazione senza avere il progetto firmato da un professionista e senza aver ottenuto le varie autorizzazioni da parte dell’amministrazione.
La nostra guida ha uno scopo puramente informativo.

www.lagazzettaimmobiliare.it

stampalt