Le principali partecipazioni acquisite dai fondi infrastrutturali istituiti da F2i

Ascolta con webReader

F2i è una delle principali Società di Gestione del Risparmio presenti nel nostro Paese, attiva nella ricerca e nella raccolta di fondi destinati all’investimento nel settore delle infrastrutture.

F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture

Il profilo societario di F2i, importante SGR sul territorio nazionale

F2i è un’importante Società di Gestione del Risparmio italiana nata nel 2007 e che si è resa protagonista, nell’anno della fondazione, della creazione di un fondo di tipo chiuso che si configura come il più rilevante nel nostro Paese e tra i principali in tutto il territorio Europeo. La società nasce con l’obiettivo di agevolare maggiormente tutti gli investimenti effettuati all’interno del comparto infrastrutturale italiano in modo da permettere un sostanziale allineamento con gli altri Paesi presenti in Europa, i quali risultano notevolmente più avanzati rispetto all’Italia. La società è attiva in diversi ambiti appartenenti al settore delle infrastrutture grazie agli investimenti effettuati nel comparto delle autostrade, degli aeroporti, delle maggiori reti di trasporto a livello nazionale, delle energie rinnovabili, della distribuzione del gas e dei sistemi di pagamento. Attualmente è guidata dall’Amministratore Delegato Renato Ravanelli, che ha assunto la carica nel 2014, e dal Presidente Bernardo Bini Smaghi, nominato nel mese di marzo 2015.

I fondi creati da F2i e le loro principali caratteristiche

Il Primo Fondo creato da F2i viene istituito dalla società nel 2007 e, dalla sua costituzione, è stato in grado di raggiungere un valore di raccolta pari a 1.852 milioni di euro. Questa somma è stata interamente investita in primarie società attive nel panorama nazionale ed internazionale quali ad esempio 2i Rete Gas, SEA, Sagat, Metroweb, Gesac, HFV Alerion Clean Power. Le previsioni di investimento sono state stabilite, al momento della creazione di F2i, in un periodo di 15 anni. Nel 2012 F2i, dato il successo ottenuto dalla creazione del primo fondo, ha deciso di avviare un ulteriore fondo, il quale può già vantare importanti sottoscrizioni ed investimenti, pur essendo ancora in fase di raccolta. Gli investitori hanno infatti permesso di raggiungere quota 775 milioni di euro, parte dei quali utilizzati per l’acquisizione di partecipazioni in SIA, SEA e TRM.


Per maggiori informazioni relative a F2i, visita il profilo della Società di Gestione del Risparmio su Slideshare.

articolinews